• Sri Lanka_caschi bianchi_crisi alimentare

Caschi Bianchi Sri Lanka

Crisi e protesta in Sri Lanka

Lo Sri Lanka sta affrontando la peggiore crisi finanziaria degli ultimi 70 anni con i prezzi degli alimenti aumentati a un record del 30 percento solo nel mese di marzo. In un Paese di 22 milioni di abitanti le massicce proteste in tutto il Paese chiedono le dimissioni del Presidente e monta la rabbia verso la la potente famiglia Rajapaksa, i cui membri ricoprono diverse posizioni di vertice nel Governo, tra cui il presidente Gotabaya Rajapaksa e il primo ministro Mahinda Rajapaksa

Scritto da Paolo Molteni e Valentina Macchi, Caschi Bianchi in Servizio Civile con Apg23 a Ratnapura *

La situazione in Sri Lanka sta diventando ogni giorno sempre più precaria. Da due anni a questa parte, infatti, l’economia nell’isola sta collassando sempre più, andando incontro a quella che diversi economi definiscono già oggi la più grande crisi economica di tutti i tempi. Tutto ciò ha portato ad un’impennata dei prezzi dei generi alimentari, che sta diventando insostenibile per la gente comune. Da qui ne consegue un malcontento generale, che spesso sfocia in proteste e in episodi di violenza.

Diverse sono le cause che hanno portato a questo collasso storico. Primo tra tutti, il debito che negli ultimi anni lo Sri Lanka ha accumulato, in particolare verso la Cina, che ha stanziato 5 miliardi di dollari per costruire infrastrutture nel Paese. Ciò ha portato lo Stato srilankese alla necessità di ristrutturare il debito attraverso l’assistenza finanziaria estera, sebbene, ad oggi, il governo di Pechino si è dimostrato restio ad aiutare il Paese.
A questo si è aggiunta la pandemia da Covid-19. Due anni di pandemia hanno completamente distrutto il settore economico trainante il Paese, il turismo. Ciò ha portato ad un’enorme disoccupazione interna e ad una riduzione del PIL che si attesta intorno al 25%. In più, nonostante una pallida riapertura a inizio dell’anno, la crisi di questo settore è andata peggiorando anche a causa del conflitto tra Russia e Ucraina, in quanto la maggior parte dei turisti proveniva da questi due Paesi.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SULL’ATLANTE DELLE GUERRE E DEI CONFLITTI DEL MONDO

* Questo articolo è parte di una collaborazione didattico-giornalistica tra Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e l’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo
** In copertina foto tratta da SriLanka map fb

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ISCRIZIONE NEWSLETTER

  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
    GG trattino MM trattino AAAA
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden
  • Hidden