La maggior oppressione si esercita su chi è muto. Se il popolo non arriva a possedere la parola, nonostante tutto, continuerà ad essere manipolato

Antenne di Pace raccoglie testimonianze di ingiustizie e voci di persone che vivono ai margini della società, di oppressi, di invisibili ai media internazionali, per ridare voce a chi non viene ascoltato e a chi è convinto di non aver più il diritto di esprimere la propria opinione. Lo fa grazie ai volontari in Servizio Civile all’estero Caschi Bianchi ed agli operatori Corpi Civili di Pace attraverso la comunicazione nonviolenta e l’ascolto attivo come strumenti di cambiamento sociale.

ULTIME NOTIZIE DAL MONDO

CREA ANCHE TU PONTI DI PACE

CASCHI BIANCHI

Servizio Civile all’estero per la pace e i diritti umani

CORPI CIVILI DI PACE

Interventi civili, non armati e nonviolenti

“Il racconto è fondamentale, serve agli altri per comprendere e soprattutto serve ai senza voce per ritrovarla. Io sono ritornato in Congo nel 2010 e ho ritrovato la gente che ci ha aiutato a fare quel Rapporto, il loro abbraccio era l’abbraccio di chi aveva letto il nostro Rapporto ed aveva capito la relazione tra il nostro racconto e la fine della guerra”

Sergio FinardiTeorico di logistica militare e di commercio di armamenti
“È solo la lingua che rende uguali. Uguale è chi sa esprimersi e intendere l’espressione altrui”
Lettera a una professoressaScuola di Barbiana
“Ci sono per il povero a ‘sto mondo due grandi modi di crepare, sia con l’indifferenza generale dei suoi simili in tempo di pace, sia con la passione omicida dei medesimi quando vien la guerra”
Ferdinand CelineScrittore, saggista e medico francese

“La maggior oppressione si esercita su chi è muto. Se il popolo non arriva a possedere la parola, nonostante tutto, continuerà a essere manipolato”

I ragazzi della Casa Scuola di SalamancaFondata da José Luis Corzo, sulla scia di Barbiana
“E’ sbagliato scrivere di qualcuno senza averne condiviso almeno un po’ la vita”
R. KapuscinskiGiornalista, scrittore e saggista polacco
“E qual è mai il giornale che scrive per il fine che in teoria gli sarebbe primario cioè informare o non invece per quello di influenzare in una direzione?”
Don Lorenzo MilaniPresbitero, scrittore, docente ed educatore cattolico italiano.
“Gli uomini si dividono in due classi: oppressori e oppressi (…) Per noi la linea divisoria passa attraverso la parola: quelli che la possiedono e quelli che non la possiedono”
I ragazzi della Casa Scuola di SalamancaFondata da José Luis Corzo, sulla scia di Barbiana

“Il vero giornalismo è quello intenzionale, che si dà uno scopo e mira a qualche forma di cambiamento sociale”

R. KapuscinskiGiornalista, scrittore e saggista polacco

“Non ci è concesso un agire ingenuo e disinformato. Possiamo benissimo scegliere di non misurare le conseguenze delle nostre azioni, ma in tal caso sappiamo anche di aver scelto la via del disimpegno. Siamo responsabili della nostra irresponsabilità”

H. JonasFilosofo tedesco di origine ebraica

Iscriviti alla newsletter

  • Formato data:GG trattino MM trattino AAAA
  • Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy

Antenne di Pace è promosso da

 

con il contributo di