Camerun Caschi Bianchi

Lo scambio dei semi

Matteo ci racconta il suo rientro dal Camerun attraverso la metafora del mercato, un mercato dove “ognuno insegna e impara allo stesso tempo” e dove “tutti si scambiano i semi dei propri prodotti migliori.”

Scritto da Matteo Reolon, Casco Bianco in Servizio Civile con Apg23 a Bafoussam

Ci si incontra al “mercato” della Comunità: un posto di tutti e di nessuno, non è Italia e nemmeno Camerun, ma in cui ciascuno ha scelto di investire un po’ di tempo per crescere e arricchirsi. Si arriva con quel che fin lì si è coltivato e raccolto nel terreno del proprio passato, che sia tanto o poco, e lo si mostra agli altri. Ci sono prodotti maturi e genuini, altri ancora un po’ acerbi. Ce ne sono pure di ammaccati o mezzi marci e quelli li si espone un po’ a fatica, magari disponendoli per ultimi e un po’ nascosti tra quelli migliori. Presto o tardi, però, tutti condividono ciò che portano con sé.

Poi si comincia assieme a osservare, scegliere e assaggiare; si scambiano saperi, opinioni, strategie e difficoltà. Si valuta anche ciò che è buono, ciò che ancora si può migliorare e quello che invece sarebbe meglio lasciar da parte, per concentrarsi su colture migliori.

Ognuno insegna e impara allo stesso tempo e nell’entusiasmo di quell’arricchimento reciproco verrebbe voglia di cominciare lì, subito, a mettere in pratica quanto condiviso, per raccoglierne assieme i frutti. Il mercato però deve finire e non c’è né spazio né tempo per aspettare il raccolto.

Ci si potrebbe scambiare i frutti ma le rispettive case sono troppo distanti e potrebbero marcire nel viaggio; inoltre finirebbero presto. Meglio mangiarli lì, finchè si è tutti assieme.

I semi, invece, possono attraversare i continenti e riprodursi portando frutto ogni anno. Ecco allora tutti a scambiarsi i semi dei propri prodotti migliori, ascoltandosi attentamente: sanno che dovranno separarsi e se vogliono dei risultati dovranno mettere in pratica i consigli ricevuti. Ci vorrà pazienza e perseveranza e forse non conosceranno mai i risultati l’uno dell’altro, ma di raccolto in raccolto si ricorderanno e saranno grati di quanto condiviso.

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIZIONE NEWSLETTER

  • Formato data:GG trattino MM trattino AAAA
  • Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy