• Caschi Bianchi Focsiv

Caschi Bianchi Perù

Piccoli reporter dal carcere

Con il suo turbine El Huracán permette ai ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Lima di aprire una finestra sul mondo, fino a sperimentarsi come giovani giornalisti.

Scritto da Silvia Donato, Casco Bianco ProgettoMondo Mlal – FOCSIV a Lima

“Buenas tardes madre”… “Hola Chicos, ¿Qué tal? ¿Cómo están?”
“Buongiorno madre”… “Ciao ragazzi, come va? Come state?”

La madre sarei io, che ho 24 anni, non sono sposata e non ho figli. Ma qui, nel Centro Juvenil de Diagnostico y Rehabilitación di Lima, tutte le ragazze o donne che entrano sono chiamate con un generico “Madre”. Un appellativo che fin da subito trasmette in maniera implicita una richiesta di protezione da parte di chi è donna.
I “chicos” sono invece i ragazzi del Centro peruviano che partecipano al corso di giornalismo portato avanti per tre mesi con altri tre volontari della Pastoral de la Esperanza e della facoltà di comunicazione dell’Università tecnologica del Perù.
Sono venti ragazzi e i primi giorni del corso mi sembravano tutti uguali, non riuscivo a distinguerli l’uno dall’altro visto che vestono tutti la stessa uniforme: una tuta con scritto Poder Judicial, l’organo statale che in Perù gestisce e amministra l’equivalente dei nostri Istituti Penali Minorili. Oltre a essere vestiti tutti allo stesso modo i ragazzi hanno anche tutti gli stessi capelli, neri e rasati.
Dopo qualche settimana inizio però a riconoscerli, ricordandomi i nomi e i cognomi di ciascuno, in base alla partecipazione, al carattere, al modo di parlarmi. C’è chi, dopo una lezione, sfida la timidezza e mi chiede “com’è l’Italia?”, e chi, alla fine di ogni lezione in cui non ha detto una parola, mi saluta stringendomi la mano. E poi c’è chi chiacchiera tutto il tempo, e chi legge concentrato gli articoli che gli porto, nonostante i compagni siano già distratti dopo un paragrafo. Con tutti alla fine ho stretto un buon legame, più che madre sento che potrei essere la sorella maggiore.
L’idea del corso è di creare uno spazio in cui i giovani reclusi possano ricevere notizie dal mondo esterno. Nell’istituto non entrano giornali e le uniche informazioni che i ragazzi ricevono su quello che succede fuori gli arrivano dai p­arenti che li visitano una volta a settimana e dagli educatori e psicologi che lavorano con loro.
Ho trovato un accordo con la responsabile delle attività gestite da organizzazioni esterne al Poder Judicial, per portare al corso articoli dei principali quotidiani nazionali: devono essere ritagliati e trattare rigorosamente argomenti positivi e non violenti… ma è già qualcosa!
I ragazzi, che alle prime lezioni faticavano a leggere anche solo i primi paragrafi di articoli sportivi, di musica o spettacolo, dopo un mese e mezzo, tramite lavori e giochi di gruppo, leggono e commentano articoli sulle elezioni amministrative peruviane, l’elezione di Evo Morales in Bolivia e quella di Dilma Rousseff in Brasile!
La seconda metà del corso è stata invece dedicata all’elaborazione di notizie e interviste. Per quest’ultime i ragazzi impazziscono! Cominciamo con la semplice preparazione di scenette teatrali in cui il ruolo più gettonato è ovviamente quello del cameraman, che non deve parlare, ma non manca chi si azzarda a fare l’intervistatore o l’intervistato.
Dopo alcune lezioni teoriche sulle tipologie di interviste e le tecniche per l’elaborazione delle domande, passiamo dalla finzione al concreto e i ragazzi intervistano un agente, un educatore, una signora dell’impresa di pulizie e persino una responsabile dell’amministrazione sulle varie esperienze lavorative nel Centro.
Prima della vacanze natalizie, nonostante mancassero solo sei lezioni alla fine del corso, ci siamo infine decisi, volontari e ragazzi, a elaborare e produrre un giornalino. All’inizio avevamo solo il nome: “El Huracán”, “L’uragano”. Poi, proprio con la forza trasmessa dal nome scelto per la testata, i ragazzi si sono attivati per raccogliere informazioni sulle attività dei diversi programmi educativi, scrivere articoli, intervistare persone, correggere bozze, passare al computer i fogli scritti a mano chiedendo un permesso speciale ai loro educatori per utilizzare il pc.
Ce la facciamo, o meglio, ce la fanno! Scrivono tutto loro, io e gli altri volontari ci limitiamo solo all’impaginazione e il 17 di dicembre, davanti al direttore, a qualche psicologo ed educatore, alcuni membri della Pastorale della Speranza e Corinna e Vanni di ProgettoMondo Mlal, i ragazzi presentano il giornalino e ricevono un meritato diploma, per poi occuparsi della distribuzione dell’Huracán agli 800 ragazzi del centro!
L’ultima sfida è trovare, prima di andar via, nuovi volontari che possano continuare il corso, e fare sì che tutto non si fermi alla prima edizione. Sarebbe bello ricevere ulteriori uscite dell’Uragano in Italia, al mio ritorno!


Leggi e scarica la prima copia di El Huracan, realizzato dai ragazzi del Centro Juvenil de Diagnostico y Rehabilitación di Lima.

Potrebbero interessarti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIZIONE NEWSLETTER

  • Formato data:GG trattino MM trattino AAAA
  • Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy