Donne bengalesi, custodi del tempo e della vita.

La cultura bengalese non permette alla donna di godere degli stessi diritti dell’uomo, imponendole invece una grande quantità di doveri. Oltre un terzo delle donne si sposa entro i 15 anni. Matrimoni consenzienti o no, questi segnano per sempre le loro vite. Una volta sposate solitamente vanno ad abitare nella dimora del marito, il quale vive assieme alla sua famiglia. La donna così, oltre che dover crescere i bambini (in media arriva a partorirne sette prima dei quarant’anni), è obbligata a prestare soccorso ad entrambi i genitori del suo consorte che la considera spesso solamente come un oggetto finalizzato alla procreazione e al lavoro domestico. I maltrattamenti sono la norma e la loro condizione rasenta spesso la schiavitù.
Catturando con l’obiettivo queste madri, ne rivelo la loro grande forza e grande consolazione: quella di vegliare sul tempo e di proteggerlo, garntendo la continuità dell’esistenza.

GALLERIA FOTOGRAFICA di Daniele Bagnaresi

{gallery}custodi_della_vita{/gallery}

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *